torna alla main page
indietro  |  copertina allegati | avanti  |
DST, Dipartimento Scienze del Territorio  -  Politecnico di Milano. Centro di documentazione "Il progetto di strade"- WEBSTRADE, e-magazine di cultura del progetto, Urbanistica,
 Trasporti, Ambiente, a cura di  G. Di Giampietro - DST, via Bonardi, 3 - 20133 MILANO - tel-fax-segr: 02-4474-978  fax2: 02-2399-5435- 435- AVVISO: La presente newsletter è inviata
 gratuitamente a nominativi selezionati o newsgroup che possono essere interessati alle attività dei corsi di aggiornamento o alle iniziative collaterali. Per segnalare altri nominativi di persone interessate, oppure se non interessati,  per essere esclusi da questa mailing list, inviate un Reply specificando la richiesta al curatore del servizio: mailto:redazione@webstrade.it (sito web:
                                          http://www.webstrade.it )
---------------------------------------------------------------------------------------------------
----------------------  WEBSTRADE n. 8,  del  22 Settembre 2000   --------------------------
----------------------------------------------------------------------------------------------------
Contenuto:

    1-  NEL 2001 I CORSI SU PROGETTO DI STRADE E ROTATORIE vai all'articolo

    2- CD ROM  2 3:  DOSSIER ROTATORIE E CASI STUDIO vai all'articolo

3-  SICUREZZA STRADALE (di L. REVERBERI) vai all'articolo

4- STRADE IN OLANDA (di A. MERKUS) vai all'articolo

5- STRADE DI QUALITÀ': ROTATORIA A REGGIO EMILIA vai all'articolo

6- DOMENICHE SENZA AUTO: MINI INCENTIVI vai all'articolo

7- GIORNATA SENZA AUTO. POSTER E RISORSE vai all'articolo

8-  GRONDA NORD A MILANO, UNA STRADA CHE DIVIDE vai all'articolo

9- RISORSE IN RETE / INTERNET RESOURCES vai all'articolo

10- EVENTI / EVENTSvai all'articolo

Top testata

-----------------------------------------------------------------------------------------------
1- NEL 2001 I CORSI PROGETTO DI STRADE E ROTATORIE
-----------------------------------------------------------------------------------------------
Riprende la pubblicazione di Webstrade dopo un lungo intervallo. Importanti novità sono seguite all'ultimo numero di inizio anno.

- Webstrade ha cambiato sede in rete. Finalmente è stato  registrato il nuovo dominio http://www.webstrade.it  Su questo nuovo server, veloce ed efficiente trovano posto ora i servizi giornalistici e informativi dell'e-magazine. E' possibile scaricare i numeri arretrati e alcuni materiali di attualità. Da questa home site partono i collegamenti ai diversi server che contengono informazioni sulle attività dei corsi di aggiornamento Il Progetto di Strade e Rotatorie; i materiali di ricerca ed i documenti prodotti dal centro di documentazione; la raccolta di casi studio; la segnalazione di progetti e realizzazioni esemplari, e, in futuro, i materiali della ricerca sugli indicatori di qualità.

- Il corso di aggiornamento  Il Progetto di Strade, previsto al Politecnico di Milano per il Novembre 2000 è rinviato per motivi organizzativi, per migliorare la qualità dell'offerta formativa. L'ultima edizione del Novembre scorso aveva avuto un notevole successo. La nuova edizione terrà conto delle indicazioni pervenute dai corsisti e degli indirizzi  del Centro Formazione Permanente (http://formperm.elet.polimi.it ) Sono in preparazione i corsi Rotatorie (marzo 2001) e Progetto di Strade, nella nuova edizione rinnovata (Novembre 2001). Aggiornamenti saranno comunicati tramite Webstrade.

- Sono stati ristrutturati i servizi di supporto Internet alle attività didattiche e di ricerca, con la produzione di due nuovi CD ROM, DOSSIER ROTATORIE e RASSEGNA DI CASI STUDIO (vedi sotto); inoltre, sono stati conclusi alcuni contratti di ricerca, dei cui riferiremo in seguito. Gli accessi ai siti hanno superato i 2.000 contatti annui. La mailing list ha superato i 1.600 iscritti. Si tratta di un'utenza di nicchia nel campo della progettazione stradale e della gestione della mobilità urbana, ma
molto attenta ed in espansione.

Torna all'indice

----------------------------------------------------------------------------------------------
2- CD ROM 2/ROTATORIE E  CD ROM 3/CASI STUDIO: I CONTENUTI
-------------------------------------------------------------------------------------------------
Tra i materiali dell'Archivio Webstrade, con indici e schede consultabili in rete, sono ora disponibili con la nuova edizione del CD ROM 1, anche le estensioni CD ROM 2 e 3. Il CD ROM 1, apprezzato dagli utenti del corso Il Progetto di Strade, raccoglie l'Archivio Normative Webstrade (raccolta di normative, italiane ed europee, manualistica, esempi e realizzazioni di riqualificazioni stradali) ad essosi affiancano due nuove opere,  integrative della prima, frutto di lavori di ricerca e  dell'attività didattica condotta nell'Università. Il CD ROM 2 DOSSIER ROTATORIE (criteri di progettazione delle rotatorie compatte, minirotatorie,  manualistica, disegni tecnici ed esempi di rotatorie in Francia, Svizzera, Italia, America e altrove);  e CD ROM 3 RASSEGNA DI CASI STUDIO DI RIQUALIFICAZIONE DI STRADE (immagini e documenti di realizzazioni innovative in Olanda, Danimarca, Germania, Svizzera, Italia, Spagna, Ungheria e altrove, con link ipertestuali e slide show (proiezione di diapositive). I CD sono aggiornati in continuazione e prodotti su richiesta con l'edizione più recente disponibile. Oltre a costituire una fonte di documentazione utile e aggiornata, contribuiscono a divulgare quella nuova cultura della qualità che proviene dalle migliori esperienze di tutto il mondo. Condizioni favorevoli sono riconosciute agli utenti registrati in modo da permettere aggiornamenti periodici.
Contenuti del CD2 DOSSIER ROTATORIE:
 sul sito:  http://www.geocities.com/Athens/Agora/5311/CD-ROM-02
Contenuti del CD3  RASSEGNA DI CASI STUDIO:
 sul sito: http://web.tiscalinet.it/Webstrade/CD-ROM-03)

Torna all'indice

---------------------------------------------------------------------------------------
3- SICUREZZA STRADALE:  UN CONTRIBUTO (di L. REVERBERI)
------------------------------------------------------------------------------------------
La prevenzione degli incidenti stradali: un impiego di denaro redditizio per la collettività, di:  Luca Reverberi, ingegnere, CAIRE Reggio Emilia  <l.reverberi@caire.it>  <www.caire.it/>
Il tema della sicurezza stradale sta finalmente imponendo la sua drammaticità all'attenzione di decisori e progettisti. L'ing. Luca Reverberi, ricorda brevemente alcuni dati del costo dell'incidentalità stradale. Le tendenze in atto dimostrano che troppo poco si fa in Italia rispetto ad altri paesi europei. Intervenire sulla sicurezza attiva nella progettazione e gestione delle strade, può dare risultati significativi.
Dall'Archivio Webstrade, alcuni dati e riferimenti bibliografici sul tema della sicurezza stradale, utili per attivare una discussione che intendiamo approfondire.
(Sul sito: http://www.webstrade.it/news/06-Reverberi/sicurezza.htm )     .vai all'articolo

Torna all'indice

----------------------------------------------------------------------------------------------
4-    STRADE IN OLANDA, UNA LEZIONE (di A. Y. MERKUS)
-------------------------------------------------------------------------------------------------
La Strada del Futuro. Indicazioni per il disegno delle strade secondo i principi di "sicurezza durevole" in Olanda. di:  Annette Y. Merkus   <A.Y.Merkus@iol.it>
L'Olanda da sempre è all'avanguardia, in Europa e nel mondo, nella riqualificazione stradale secondo i principi della sicurezza, della moderazione del traffico, della tutela di modalità alternative e dell'utenza debole della strada (ciclisti, pedoni, disabili, bambini). Sono famosi i "woonerf" olandesi, strade residenziali di uso misto in cui la precedenza spetta ai pedoni.
Sono meno famosi gli orientamenti attuali che puntano sulla sicurezza garantendo la fluidità del traffico sulle strade principali e la moderazione a zone, estesa a intere aree urbane. Annette Merkus, progettista olandese che vive in Italia, illustra nell'articolo sul sito, ricco di immagini,  gli orientamenti nella progettazione stradale e l'evoluzione del modello olandese di uso dello spazio stradale .E' la prima tappa di un viaggio in Olanda che continueremo nei prossimi numeri di Webstrade.
(Sul sito:  http://www.webstrade.it/news/04-Merkus/Merkus.htm )     .vai all'articolo

Torna all'indice

---------------------------------------------------------------------------------------------------
5-  SEGNALAZIONE: ROTATORIA A REGGIO EMILIA
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
Pubblichiamo sul sito dei Casi Studio una scheda di segnalazione di una realizzazione di qualità.
L'Ufficio Traffico del Comune di Reggio Emilia, diretto dall' ing. Ermes Torreggiani, ha realizzato, in 30 giorni, una rotatoria con precedenza all'anello su una intersezione di raccordo con la tangenziale con una forte componente di traffico pesante. L'attenzione alla fluidità del traffico, accanto ai temi della sicurezza, della qualità dei materiali e della tutela dell'ambiente, sono sicuramente esemplari e da proporre come riferimento per  interventi analoghi su strade di grande traffico La scheda contiene un documento in formato PDF scaricabile.
Una cultura della qualità, nelle realizzazioni degli enti locali, si alimenta anche proponendo dei modelli, degli esempi, un catalogo di idee. E' quello che ci proponiamo di attivare sul sito Casi Studio stimolando una moderna cultura di progetto, in grado di approfondire oltre ai temi del traffico, anche quelli della sicurezza, della costruzione del paesaggio e dell'identità dei luoghi.
Una cultura attenta alla riduzione del consumo di suolo e delle velocità, che dà la giusta importanza, in area urbana, a pedoni,
ciclisti e modalità alternative, sapendo che una strada contribuisce  alla costruzione della morfologia urbana. Segnaleremo anche errori ed orrori da non ripetere. Perché se c'è molto da fare, è anche importante sapere cosa non fare più.
(Sul Sito:  http://web.tiscalinet.it/Webstrade/CASI-STUDIO/Reggio/Roto-RE.htm )     .vai all'articolo

Torna all'indice

--------------------------------------------------------------------------------------------------
6- DOMENICHE SENZA AUTO: MINI INCENTIVI
------------------------------------------------------------------------------------------------------
(da:  www.reteambiente.it)  Dopo il successo di partecipazione ed il consenso, anche internazionale, alle iniziative italiane delle domeniche ecologiche dell'inverno scorso, il Ministero dell'Ambiente ha impegnato una somma di 6 miliardi (il costo di riqualificazione poche centinaia di metri di strade con i principi della moderazione del traffico) per il cofinanziamento di progetti dei Comuni diretti alla sensibilizzazione ed informazione dei cittadini sulle tematiche della mobilità sostenibile ed alla gestione
delle iniziative comunali per le "Domeniche senza auto". Il Decreto del Ministero dell'Ambiente è stato pubblicato sulla Gazzetta ufficiale del 23 febbraio 2000 n. 44). Possono presentare progetti:
- i Comuni con popolazione superiore a 100.000 abitanti;
- i Comuni con popolazione inferiore a 100.000 abitanti ma inclusi negli elenchi regionali delle zone particolarmente inquinate o caratterizzate da specifiche esigenze di carattere ambientale;
- tutti i Comuni capoluogo di Provincia
- i consorzi tra Comuni la cui popolazione complessiva sia superiore ai 150.000 abitanti.
Le domande presentate, devono avere ad oggetto uno dei seguenti interventi:
a) campagne di sensibilizzazione ed informazione rivolte alla generalità dei cittadini o a loro particolari categorie (ad esempio residenti, popolazione scolastica, negozianti) condotte attraverso mezzi di comunicazione di massa, affissione di manifesti, distribuzione di materiale informativo, sportelli informativi e numeri verdi, attivazione di siti internet e di pagine web;
b) sondaggi di opinione prima, durante e dopo lo svolgimento delle iniziative al fine di verificare il raggiungimento degli obiettivi;
c) iniziative direttamente finalizzate allo sviluppo della consapevolezza dei cittadini sui problemi della
modalità sostenibile;
d) iniziative direttamente finalizzate al più efficace svolgimento delle "Domeniche ecologiche".
Il Ministero dell'Ambiente assegnerà un cofinanziamento non superiore al 60% del costo dell'iniziativa e comunque fino ad un massimo di 500 lire per ciascuno degli abitanti interessati al singolo progetto.
Con questi finanziamenti e con questi obiettivi sarà difficile convincere qualcuno, più di quanto non sia già convinto, dell'importanza di ridurre l'uso dell'auto. Sarebbe molto più eloquente il sostegno diretto e massiccio di programmi nazionali di riqualificazione urbana e moderazione del traffico, come nella introduzione estesa delle  Zone 30 nelle città di quasi tutta Europa; l'adozione di piani di riduzione del traffico stradale, come in Gran Bretagna; lo sviluppo di politiche per una reale alternativa modale, con trasporto pubblico, ciclabilità e pedonalità nelle nostre città.

Torna all'indice

---------------------------------------------------------------------------------------------------
7- GIORNATA SENZA AUTO. POSTER E RISORSE
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
Quella che finalmente è stata fissata come la prima giornata mondiale senza auto (Free-car day), il giorno in cui in tutta Europa e nel mondo si è puntato ad un evento-simbolo, per avviare una riflessione sulla necessità di ridurre la nostra dipendenza dall'auto, non è un fatto folcloristico, come qualcuno ha detto, ma un'occasione per pensare, riflettere e progettare il futuro delle nostre città. Si può rinunciare all'auto? Si possono ridurre il traffico ed i suoi effetti malefici? A Milano pare di no.
Almeno oggi. Ma dobbiamo pensare a cosa fare oggi per cambiare rapidamente questo modello che non funziona e che non ha futuro. Riducendo l'uso dell'auto, ma anche sostituendo il concetto di mobilità con quello di accessibilità. Rimettendo al centro dei nostri progetti l'uomo e le merci, invece del traffico e dei veicoli.
Possiamo riflettere sull'affermazione di un urbanista americano "Un elevato indice  di Veicoli x Chilometri percorsi è, in fin dei conti, un indicatore di una disfunzione economica e sociale; esso indica che la gente non sta dove vorrebbe o dovrebbe stare" (Doug Kelbaugh 1997, Common Place - p. 36).
Per contribuire alla giornata della città senza auto, sul sito sono disponibili informazioni, link, e materiali di associazioni europee. Un poster di grande formato, con l'immagine di una bici che prende il posto delle ruote di un'auto rovesciata, è scaricabile in file PDF.
( Sul sito:  http://www.webstrade.it/news/07-car-free/poster.htm )     .vai all'articolo

Torna all'indice

---------------------------------------------------------------------------------------------------
8- GRONDA NORD A MILANO: UNA STRADA CHE DIVIDE
-------------------------------------------------------------------------------------------------------
La strada si chiama ora "interquartiere" e  collega le periferie settentrionali del comune di Milano, ma mette anche in connessione le tangenziali Est e Ovest attraversando la città. Il progetto racconta, con la sua storia che risale agli anni 50 l'evoluzione della cultura del progetto di strade e della sensibilità ambientale dell'ultimo mezzo secolo, ma è anche il terreno per uno spinoso conflitto sociale tra Amministrazione comunale milanese e gli abitanti dei quartieri.
La strada è evoluta nel corso degli anni, da autostrada urbana in rilevato e su viadotto, a strada di scorrimento in trincea, a strada raso nell'ultima versione di "strada interquartiere", con ampia dotazione di viali, piste e corsie per il mezzo pubblico. Ma ha sempre trovato la forte opposizione dei residenti, che non vogliono saperne di vedersi passare sotto casa decine di migliaia di veicoli al giorno. "Not in my backyard", fatelo altrove ma non nel cortile di casa mia, è la parola d'ordine di tutti gli abitanti che difendono il "proprio territorio" locale. E non è servito nemmeno aver invitato alla riprogettazione della strada l'architetto paesaggista tedesco Peter Latz che ha trasformato la strada in un grande boulevard, strada parco, con soluzioni che propongono la costruzione della strada come occasione per la riqualificazione anche urbanistica di brani di città lungo il percorso. Quello che si contesta di più è la strada continua, che attraversa la città da una parte all'altra, rischiando il "corto circuito" della rete. Probabilmente la soluzione sarà la realizzazione di tratti di strada che riqualificano brani di quartiere attraverso i PRUSST, rinunciando al progetto unitario.
Un sito web curato da tre giovani architetti milanesi, ZuntiniVismara e Donzelli, raccoglie documenti, contributi e le voci di questo dibattito sulla strada che divide. (In rete:  http://www.grondanord.com )

Torna all'indice

--------------------------------------------------------------------------------------------------
9-  RISORSE IN RETE / INTERNET RESOURCES
------------------------------------------------------------------------------------------------------
- CAR SHARING (da Alt-Transp) Un articolo dall'America illustra la crescita della condivisione dell'auto, come soluzione  e scelta di vita in espansione. Con link e riferimenti.  (In  rete: http://www.webstrade.it/news/05-Car-sharing.htm )             .vai all'articolo

SUSTRANS. Link, bibliografie e risorse in rete, su trasporti urbani centrati sull'uomo, equi e sostenibili nel sito di SUSTRANS, Sustainable Transport Action Network,  particolarmente orientato ai paesi in via di sviluppo dell'Asia e del Pacifico. http://www.geocities.com/RainForest/Canopy/2853

- TRIS, Transportation Research Information Service, il più ricco e diversificato database  del mondo sui trasporti, è accessibile in rete agli indirizzi: http://www.bts.gov/ntl/tris/  oppure http://tris.amti.com/

WORLD TRANSPORT POLICY AND PRACTICE, rivista elettronica in formato PDF sulle politiche dei trasporti sostenibili. Nell'ultimo numero particolarmente interessanti alcuni articoli, che arricchiscono di valore il concetto di sostenibilità nei trasporti. William Ross, della Murdoch University, discute i concetti di mobilità ed accessibilità; confrontando una serie di indicatori di città in diverse parti del mondo, dimostra il paradosso che le città con maggiore mobilità sono quelle meno
accessibili. John Seaton illustra il nuovo orientamento dei progettisti australiani che hanno cominciato a mettere al centro della progettazione della infrastrutture le persone e le merci, invece dei veicoli e della circolazione. Ulrike Huwer, dai lavori di Velocity 99, riporta il decalogo-manifesto mondiale per lo sviluppo di una accessibilità ciclabile.  ( In rete: http://www.ecoplan.org/wtpp ).

Torna all'indice



10-  AGENDA EVENTI / EVENTS AGENDA
------------------........................................................................------------------------------------
21/22 SETTEMBRE 2000 Giornata mondiale senza auto (world Car-Free Day) Informazioni, poster, link a siti e risorse  per le iniziative legate all'evento (Sul sito:    http://www.webstrade.it/news/07-car-free/poster.htm

28 SET 2000, Milano, Centro Congressi Stelline corso Magenta 56, 9:30-13, SICUREZZA STRADALE PROPOSTE E RISPOSTE, a cura della Regione Lombardia (In rete:  http://www.regione.lombardia.it/ )

16-23-30-31 MARZO 2001, Corso di aggiornamento del Politecnico di Milano,  Rotatorie, direttore L. Marescotti, coordinatore G. Di Giampietro. Programmi, modalità di iscrizione e calendario diffusi tramite l'emagazine Webstrade
http://www.webstrade.it  e-mail: digiampietro@iol.it  tel-fax: 02-4474-978)

- 20 25 Maggio 2001, Congresso Internazionale dell'UITP (Call for Papers aperto), con Rassegna Internazionale del Trasporto Pubblico  - City Transport 2001.   Contatto: Union Internationale del Transports Publics,  (UITP), Avenue Herrmann-Debroux 17, B-1160 Bruxelles, Belgique, Tel +32 2 673 6100 - Fax +32 2 660 1072, E-mail: administration@uitp.com, URL: http://www.uitp.com

9 - 16 - 23 30  NOVEMBRE 2001, Corso di aggiornamento del Politecnico di Milano,  Il Progetto di Strade, direttore A. Moretti, coordinatore G. Di Giampietro. Programmi, modalità di iscrizione e calendario diffusi tramite l'emagazine Webstrade (http://www.webstrade.it  e-mail: digiampietro@iol.it tel-fax: 02-4474-978)

Torna all'indice



EVENTI TRASCORSI. ATTI E RISULTATI:

- "VELO MONDIALE 2000 World Bicycle Conference",  tenuto  il 18-22 Giugno 2000, Amsterdam, Olanda. Per gli Atti contattare: Congress Organisation Services, Fax: +31 24 360 1159,  (In rete:  http://www.velomondial2000.nl/ )

- I-CE, Interface for Cycling Expertise, ha organizzato ad Amsterdam dal 26 al 30 Giugno (dopo Velo Mondiale),  una settimana speciale di formazione sulla ciclabilità, per urbanisti, esperti di traffico, attivisti di associazioni  e altri.  (Contattare: training-ice@cycling.nl, http://www.cycling.nl ).

- BREMEN INITIATIVE "Reinventing Mobility - Challenge of the 21st Century", June 24 - 27, 2000. Si è svolta a Bremen, Germania il Convegno mondiale  sul partenariato tra città, enti locali ed imprenditoria privata, per lo sviluppo di un futuro sostenibile per le città. Interessanti i contributi alla formazione di indicatori di sostenibilità urbana, sponsorizzato dalla Comunità Europea. E' in preparazione sull'argomento un servizio di Webstrade.
Per ulteriori informazioni: Ecolo-Ecology and Communication, Leher Heerstr. 102, D-28359 Bremen - Germany. Phone: +49-421-23.00.11.0; Fax: +49-421-23.00.11.18; E-mail:
conference2000@bremen-initiative.de, (Web: http://www.bremen-initiative.de )

Torna all'indice



------------------------------------------------------------------------------------------------
1- COPYRIGHT: I materiali e le informazioni distribuite con WebStrade sono di libero utilizzo, con il solo obbligo, qualora vengano utilizzate o ritrasmesse, di indicare come fonte: WEBSTRADE mese/anno, URL. Ad es.: (fonte: WEBSTRADE 9/2000  www.webstrade.it )
2- RESPONSABILITÀ': Benché ogni cura è messa nella qualità, completezza, e correttezza delle informazioni distribuite, unico responsabile per ogni omissione o errore, e per gli articoli non firmati da altri, è da ritenersi l'arch. Di Giampietro, curatore del servizio, che se ne assume la responsabilità, anche come pubblicista free-lance iscritto all'albo.
-------------------------------------------------------------- Fine della E-Magazine ------------
   Top testata